Non solo un dovere etico verso l’ambiente ma un’opportunità di taglio alle spese e monetizzazione dei servizi

Pochi semplici accorgimenti possono trasformare il volto di una struttura e consentire un risparmio considerevole in termini di consumi.

turismo ecosostenibile

Un discorso di coscienza e visione imprenditoriale

Il tema dell’ambiente è al centro di un’attenzione globale mai registrata nel passato: le voci “inascoltate” per decenni di chi suggeriva di cambiare atteggiamento nei confronti del pianeta, delle sue risorse e delle sue fragilità, oggi finalmente sembrano aver fatto breccia nella coscienza collettiva. Anche le grandi potenze economiche del mercato si stanno “smuovendo” e se anche ci piacerebbe pensare ad una presa di responsabilità da parte dell’industria da sempre più cinica e spietata, è evidente come alla base ci sia una ragione ben diversa: il guadagno.

L’imprenditoria globale, a tutti i livelli, ha compreso che il futuro “green” di cui si parlava nei primi anni 2000 sta di fatto cominciando perchè richiesta a gran voce dalle masse, dalle persone… dai consumatori.

 

Le strutture turistiche possono e devono fare la loro parte

Il settore turistico è chiamato ad una vera e propria rivoluzione per aderire ad un progetto di abbattimento dell’impatto ambientale e per rispondere alla domanda dei propri clienti sempre più attenti e responsabili. Le persone sanno di poter far poco contro l’inquinamento causato dalle grande multinazionali , se non partecipando a movimenti di protesta e boicottaggio , ma sentono di poter dare il loro contributo, reale e tangibile,  operando scelte mirate nella loro quotidianità: dalla spesa ai consumi di casa, dai trasporti alle vacanze.

 

Cosa fare?tourist organzier che interventifare

Al fine di ottimizzare i consumi, diminuire gli sprechi, risparmiare energia e rispondere alla crescente domanda di clienti attenti si possono fare diversi interventi anche piccoli e poco invasivi magari inseriti in un quadro di ristrutturazione complessiva della struttura da completarsi in un arco di 3 o 5 anni.

Tourist Organizer, il software gestionale per strutture turistiche (in tutte le sue versioni, hotel, residence, campeggi, villaggi, stabilimenti balneari, ristoranti.), propone soluzioni modulari di automazione allo scopo di consentire un controllo ed un monitoraggio di tutte i servizi. Lo scopo di tutto questo è ovviamente quello di monitorare e controllare ìda remoto ogni situazione, minimizzare i costi energia, monetizzare i servizi ed offrire un’esperienza ai clienti che sia sempre puntuale, funzionale ed accattivante.

 

Alcuni esempi pratici

Tra i moduli di gestione automazione di Tourist Organizer rivolti alle strutture turistiche ce ne sono alcuni che riescono a restituire ottimi risultati in brevissimo tempo.

  • Gestione e monitoraggio dell’energia elettrica
    è possibile attivare specifici servizi, quali l’accensione di luci o intere linee luce,in base a regole di presenza, comportamento ed orario oppure controllare remotamente attuatuori (come per gli appartamenti nei residence o le colonnine nei campeggi) per l’erogazione controllata della corrente elettrica: il tutto, ovviamente, in aggiunta ad automatismi legati al gestionale.
  • Gestione e monitoraggio dell’acqua
    è possibile monitorare, controllare e regolamentare l’utilizzo dell’acqua in tutte le sue molteplici possibilità di erogazione:
    – rubinetti (lavatoi, lavatrici, rubinetteria generica);
    docce;
    colonnine;
    – innaffiatori;Schema collegamento colonnine per il software per campeggi
  • Gestione Domotica degli ambienti (camere, appartamenti, mobile homes ecc)
    è possibile gestire tutti i servizi di un ambiente allo scopo di ottimizzare consumi e rendimento, siano essi camere, appartamenti, bungalows, mobile homes, sale o altro.
    Grazie al controllo diretto sulle centraline di camera, Tourist Organizer è in grado di adattare l’assetto dei dispositivi di riscaldamento e raffreddamento sulla base del comportamento del cliente rapportato alle impostazioni decise dal gestore. E’ possibile monitorare lo stato di porte e finestre per evitare che i condizionatori o gli impianti di riscaldamento lavorino inutilmente, è possibile prevedere temperature di stand-by differenti a seconda dello “stato della camera” (chiusa, vuota, in attesa di arrivo, in accoglienza, cliente presente, cliente presente ma uscito temporaneamente ecc).
    Tutti gli accorgimenti legati alla domotica si traducono in un risparmio energetico REALE del 25%.



 

Le possibilità di ottimizzazione dell’aspetto energetico sono molteplici e personalizzabili.

 

Per informazioni e DEMO tel. 019 50.5201

 

 

Pin It on Pinterest

Share This